Ordina entro il 15/12 per ricevere i prodotti in tempo per Natale – Spedizione Gratuita con 85€ 

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su print
In questo articolo:

Come fare il giusto abbinamento tra vino e cibi (+ suggerimenti)

Scopri 3 modi per abbinare i vini ai cibi e suggerimenti per abbinare primi piatti, secondi piatti, formaggi e dolci. Scopri anche quali piatti gustare con i vini bergamaschi.
abbinamento vino e cibi
IN QUESTO ARTICOLO TROVI

Ogni piatto ha il suo vino ideale di accompagnamento. Come fare il giusto abbinamento tra vino e cibi?

In quest’articolo vediamo 3 modi per abbinare i vini ai cibi e ti diamo alcuni suggerimenti per abbinare appetizer, primi piatti, secondi piatti, formaggi e dolci ai vini giusti. E vediamo anche con quali pietanze gustare i vini bergamaschi!

3 tecniche per l’abbinamento di vino e cibi

Per poter abbinare vino e cibi correttamente è importante conoscere:

  • Le caratteristiche principali del piatto: tendenza al dolce, acidula o amara, sapidità, speziatura, succulenza, grassezza, tipo di cottura.
  • Le caratteristiche dei vini da abbinare: sapidità, acidità, dolcezza, struttura, morbidezza.

Ci sono vari modi per abbinare il vino con i cibi: vediamo i 3 più conosciuti e usati.

1. Stagionalità

Questo modo di abbinare vino e cibi si basa sul principio che nelle varie stagioni si gustano piatti diversi e dunque anche i vini vanno adattati.

  • D’estate si preferiscono piatti leggeri, abbinati a bianchi freschi o vini rosati.
  • In inverno si preferiscono piatti caldi, strutturati e “calorici” abbinati a vini rossi più corposi e complessi.

2. Concordanza

L’obiettivo dell’abbinamento secondo il principio della concordanza è creare un matrimonio armonico fra il vino e il cibo, capace di esaltare e bilanciare le caratteristiche di entrambi.

Struttura e intensità del cibo devono infatti rispecchiarsi in quella del vino.

Dunque:

  • Con pietanze delicate e semplici, cotture al vapore, condimenti leggeri si abbinano vini con aromi contenuti;
  • Preparazioni elaborate e ricche richiedono vini altrettanto complessi e strutturati.

3. Contrapposizione

Secondo il principio della contrapposizione, ci si concentra sul contrasto per ciò che riguarda tutte le altre caratteristiche del cibo (grassezza, sapidità, pungenza, acidità, tendenza dolce o salata).

L’idea è che se un piatto ha un eccesso di alcune sensazioni il vino deve attenuarle.

Vediamo alcuni esempi:

  • Per cibi con una grande componente grassa e/o con condimenti sostanziosi, meglio abbinare vini con una buona acidità o effervescenza, che quindi possono “sgrassare” la pietanza.
  • Pietanze e ingredienti con sensazioni dolci (come i risotti e la zucca) possono essere compensati da vini con una buona sapidità, acidità ed effervescenza.
  • La succulenza di piatti come le zuppe o la carne alla griglia va bilanciata con alcol e tannini che “asciugano”.
  • L’untuosità di alcuni condimenti e preparazioni, come selvaggine arrosto e carni al forno, può essere ben stemperata dall’alcolicità e tannicità di rossi corposi.
  • Pietanze molto sapide o con tendenza amarognola o acida si contrappongono a vini con una buona morbidezza. È per questo che la sapidità salmastra si abbina molto bene ai vini bianchi con moderata acidità.

Abbinamento del vino con i cibi: alcuni suggerimenti

Vediamo ora l’abbinamento del vino con i cibi dal lato pratico. Prima, però, ecco qualche suggerimento per la corretta sequenza con cui servire diversi tipi di vino:

  • Inizia con i vini più giovani per poi finire con quelli più vecchi;
  • Servi prima i vini più leggeri e poi quelli più robusti;
  • I bianchi si servono prima dei rossi;
  • Servi prima il vino più fresco, poi quello a temperatura ambiente.

Vino per appetizer e antipasti

Per scegliere il vino con antipasti e stuzzichini ricorda di fare attenzione alla temperatura giusta. Ecco alcuni esempi:

  • Antipasti magri con pesce o pollo: Bianco secco oppure frizzante 
  • Prosciutto crudo: Rosato sapido e leggero 
  • Salumi e insaccati: Rosato fresco o rosso giovane brioso 

Vino con pasta, minestra e risotti

Per i primi piatti puoi spaziare dai bianchi, ai rosati fino ai rossi, poiché dipende molto dal tipo di primo e dal suo condimento.

Vediamo alcuni esempi:

  • Risotto ai funghi: Rosato leggero e brioso oppure rosso giovane
  • Risotto alle verdure: Bianco secco morbido 
  • Risotto ai frutti di mare, pesce: Bianco secco strutturato 
  • Pasta con frutti di mare: Bianco morbido e secco o leggermente abboccato 
  • Pasta al pomodoro: Bianco secco fresco di acidità 
  • Pasta con sugo di carne: Rosato o rosso giovane e vivace 

Quale vino gustare col pesce?

Sì sa: il pesce va con il vino bianco. Tuttavia anche il giusto rosato può essere un ottimo vino d’accompagnamento.

Alcuni esempi:

  • Frutti di mare crudi: Bianchi aromatici o di buon corpo 
  • Frutti di mare cotti: Bianchi non troppo secchi e fruttati 
  • Pesce alla griglia e fritture: Bianco secco di carattere o rosato leggero
  • Pesce in umido o cartoccio: Rosato di corpo medio 
  • Zuppa di pesce: Rosato di buon corpo o rosso giovane e beverino 

Quale vino gustare con la carne?

Per quanto riguarda la carne, quella rossa viene solitamente abbinata a vini rossi corposi, mentre le carni bianche si accompagnano a vini bianchi.

Alcuni esempi:

  • Carne bianca di pollo: Bianco secco di carattere o rosato 
  • Carne di vitello: Rosso giovane leggero 
  • Carne di maiale: Rosso secco di medio corpo 
  • Carne rossa alla griglia: Rosso vigoroso a medio invecchiamento 
  • Bolliti misti: Rosso giovane anche vivace 
  • Cacciagione: Rosso di buon invecchiamento e struttura 

Quale vino abbinare ai formaggi?

In Italia ci sono davvero tanti formaggi, di diverse tipologie. Ecco alcuni abbinamenti:

  • Formaggi a pasta fresca: Bianco morbido
  • Formaggi erborinati: Bianco di buon corpo o passito
  • Formaggi fermentati: Rosso di medio corpo e buon invecchiamento
  • Formaggi a pasta dura: Rosso di buon corpo e invecchiamento
  • Formaggi piccanti: Rosso di gran corpo o liquoroso

Vino con dolci e dessert

Non sempre l’abbinamento “dolce con dolce” è corretto nel caso di dessert e dolci. Vediamo alcuni esempi.

  • Panettoni e Colombe: Spumante semi secco o bianco aromatico
  • Crostata di frutta: Bianco o rosso semisecco o dolce, aromatico o fruttato, anche spumante
  • Prodotti da forno: Passito liquoroso abboccato o dolce
  • Dolci al cucchiaio: Bianco dolce o spumante
  • Creme crude o cotte: Bianco liquoroso ed invecchiato
  • Frutta fresca: Bianco abboccato aromatico e fruttato
  • Frutta secca: Rosso abboccato o passito liquoroso

Con quali piatti abbinare i vini bergamaschi?

Nella provincia di Bergamo vengono coltivati e prodotti vini: le eccellenze del territorio sono il Vino Valcalepio e il Moscato di Scanzo. Vediamo con quali piatti abbinarli.

Vino Valcalepio DOC rosso

Il Valcalepio Rosso DOC possiede un colore rosso rubino tendente al granata, profumo intenso con netto sentore di amarena e sapore asciutto, persistente e morbido.

Da servire a una temperatura di circa 18 C°, si sposa molto bene con piatti di carne rossa e bianca, salumi, arrosti, cacciagione, formaggi.

Ad esempio puoi gustarlo con:

  • Casoncelli
  • Polenta e coniglio
  • Lumache
  • Polenta taragna
  • Agnello
  • Casola bergamasca

Vino Valcalepio DOC bianco

Il Valcalepio bianco DOC è un vino dal colore giallo paglierino, dal profumo intenso con sentori fruttati e dal sapore secco e asciutto. 

Da servire a una temperatura di circa 10 C°, accompagna antipasti, primi e secondi piatti e piatti di pesce.

Ad esempio puoi gustarlo con:

  • Pesci d’acqua dolce
  • Panada bergamasca
  • Zuppe
  • Minestre
  • Frittate

Moscato di Scanzo

Il Moscato di Scanzo è un vino di colore rosso rubino, dal profumo intenso, corposo e aromatico con sentori di ciliegie e note speziate dolci. Il suo sapore è dolce, persistente e ricco.

Si abbina bene a:

  • Formaggi erborinati come il Taleggio DOP, il Gorgonzola e lo Strachitunt
  • Biscotti e pasticceria secca
  • Pandoro e panettone
  • Cioccolato
  • Torte alla frutta
  • Ottimo come vino da meditazione
Porta sulla tua tavola i sapori dei vini bergamaschi!

A pranzo o a cena, tutti i giorni o nelle occasioni speciali: gusta i vini bergamaschi insieme ai tuoi piatti preferiti!

×

Carrello

Grappe, liquori, amari

In sconto fino al 8 dicembre

Regalo di Natale o tocco finale dopo i pasti: una grappa, un liquore, un amaro di Bergamo va bene in ogni occasione! Fino al 8 dicembre sconti selezionati sui nostri migliori prodotti.

Promozione valida ancora per:

Giorni
Ore
Minuti
Secondi
La promozione è terminata!
Ancora 85,00 per la spedizione gratis